Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

Terapia a bassa dose di Interleuchina-2 nel lupus eritematoso sistemico refrattario


Si ritiene che una carenza acquisita di interleuchina-2 ( IL-2 ) e difetti correlati nell'omeostasi delle cellule T regolatorie svolgano un ruolo cruciale nella patogenesi del lupus eritematoso sistemico.
Si è ipotizzato che la ricostituzione dell'omeostasi mediata dalle cellule T regolatorie con basse dosi di IL-2 sia benefica per i pazienti con lupus eritematoso sistemico.

In uno studio non-controllato di fase 1 e 2a condotto presso il Dipartimento di Reumatologia e Immunologia clinica presso l'ospedale universitario della Charité di Berlino, Germania, sono state valutate la sicurezza e la tollerabilità di IL-2 umana ricombinante a basso dosaggio ( Aldesleuchina [ Proleukin ] ) e i suoi effetti sulle cellule T regolatorie.

Sono stati reclutati pazienti di età compresa tra 18 e 75 anni con una diagnosi confermata di lupus eritematoso sistemico e attività patologica da moderata a grave nonostante il precedente trattamento con almeno due terapie convenzionali.
Ai pazienti sono stati somministrati quattro cicli di Aldesleuchina a basso dosaggio al giorno per 5 giorni, seguiti da un periodo di riposo di 9-16 giorni.

Gli endpoint primari erano la sicurezza e il numero di pazienti che hanno ottenuto un aumento di almeno il 100% della percentuale di cellule che esprimono CD25hi tra le cellule T regolatorie CD3+ CD4+ FOXP3+ CD127lo circolanti al giorno 62 ( cioè dopo quattro cicli di trattamento ).
Gli endpoint secondari includevano l'attività di malattia misurata dalla scala SELENA-SLEDAI ( Safety of Estrogens in Lupus National Assessment-Systemic Lupus Erythematosus Disease Activity Index ) e dal punteggio della scala BILAG ( British Isles Lupus Assessment Group ), riacutizzazioni della malattia misurati dall'indice di riacutizzazione SLEDAI, concentrazioni di autoanticorpi e complemento al giorno 62.
Gli endpoint esplorativi includevano vari parametri cellulari e immunologici.

Tra il 2014 e il 2016 sono stati sottoposti a screening 13 pazienti, di cui dieci soddisfacevano i criteri di ammissibilità e sono stati arruolati nella sperimentazione.
Altri due pazienti sono stati trattati tra il 2013 e il 2014, in un contesto di uso compassionevole.
11 dei 12 pazienti ( 92% ) hanno raggiunto l'endpoint primario.

Sono stati registrati 159 eventi avversi, 75 dei quali ( 47% ) erano correlati al trattamento.
La maggior parte degli eventi avversi correlati al trattamento sono stati transitori e da lievi a moderati ( grado 1-2 ).
L'evento avverso più comune è stata la reazione al sito di iniezione ( 20% ).
Non si sono verificati eventi avversi gravi durante il periodo di trattamento.

In 10 pazienti su 12 ( 83% ), i punteggi SELENA-SLEDAI erano inferiori al giorno 62 rispetto al basale, e durante il periodo di trattamento non sono state osservate gravi riacutizzazioni di malattia.
La riduzione dell'attività di malattia è risultata correlata all'entità dell'aumento della percentuale di cellule T regolatorie attivate.

Il trattamento con Interleuchina-2 ha determinato una proliferazione preferenziale di cellule T regolatorie che hanno conservato la capacità soppressiva.
È stata osservata una riduzione delle cellule coinvolte nella regolazione delle reazioni del centro germinale.

La terapia con Interleuchina-2 a basso dosaggio è sicura e ben tollerata e promuove selettivamente l'espansione delle cellule T regolatorie funzionali in pazienti con lupus eritematoso sistemico da moderato a grave.
Il trattamento con IL-2 a basso dosaggio potrebbe anche essere utile nel ridurre l'attività di malattia, sebbene siano necessari studi più ampi per valutarne l'efficacia. ( Xagena2019 )

Humrich JY et al, Lancet Rheumatology 2019; 1: 44-54

Reuma2019 Farma2019


Indietro