Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

Alterata funzione cognitiva nel lupus eritematoso sistemico e associazioni con infiammazione e cambiamenti funzionali e strutturali del cervello


La disfunzione cognitiva è comune nel lupus eritematoso sistemico ( SLE ), ma la causa rimane poco chiara e le opzioni terapeutiche sono limitate.
È stata confrontata la funzione cognitiva in soggetti con lupus eritematoso sistemico e controlli sani utilizzando entrambe le tecniche comportamentali e di neuroimaging.

Sono stati reclutati pazienti con lupus eritematoso sistemico ( malattia stabile ) e controlli sani.
Sono stati raccolti dati clinici e psicologici insieme a un campione di sangue per biomarcatori rilevanti.
La funzione neurocognitiva è stata valutata usando i test CANTAB ( Cambridge Neuropsychological Test Automated Battery ); l'imaging di risonanza magnetica funzionale ( fMRI ) è stato utilizzato per esaminare le risposte del cervello alla memoria di lavoro (WM ) e l'elaborazione emotiva ( attività di riconoscimento emotivo facciale, FERT ).

Rispetto ai controlli sani ( n=30 ), i pazienti con lupus eritematoso sistemico ( n=36 ) hanno ottenuto un punteggio più alto nelle misure di depressione, affaticamento e avevano più alti valori di hsCRP ( P=0.013 ), interleuchina-6 ( IL-6 ) ( P=0.003 ) e stimolatore dei linfociti B ( BLyS ) ( P minore di 0.001 ).

I pazienti con lupus eritematoso sistemico hanno presentato prestazioni peggiori in un compito di attenzione prolungata ( P=0.002 ) e avevano alterate risposte cerebrali, in particolare nelle regioni della rete in modalità predefinita ( DMN ) e del caudato, durante il compito WM.

Un danno d'organo più elevato e un VCAM-1 più elevato sono stati associati a una minore attenuazione di DMN ( P=0.005 e P=0.01, rispettivamente ) e a un segnale BOLD più basso nelle aree caudate ( P=0.005 e P=0.001, rispettivamente ).
Anche l'aumento di IL-6 è stato associato a un segnale BOLD più basso nelle aree caudate ( P=0.032 ).

L'attenzione prolungata è compromessa nei pazienti con lupus eritematoso sistemico.
Una scarsa attenuazione di DMN può contribuire a menomazioni cognitive in lupus eritematoso sistemico e i dati suggeriscono che oltre all'umore e all'affaticamento, meccanismi infiammatori e danno d'organo influiscono sul funzionamento cognitivo nel lupus eritematoso sistemico.
La natura multiforme delal disfunzione cognitiva nel lupus eritematoso sistemico significa che qualsiasi intervento terapeutico dovrebbe essere personalizzato. ( Xagena2019 )

Barraclough M et al, Ann Rheum Dis 2019; 78: 934-940

Reuma2019 Neuro2019



Indietro