Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

La somministrazione ripetuta di Dapirolizumab pegol è ben tollerata e accompagnata da miglioramenti nelle misure composite dell'attività del lupus eritematoso sistemico e da cambiamenti nei profili trascrittomici di sangue intero


Il lupus eritematoso sistemico ( SLE ) è una malattia autoimmune eterogenea associata a una diffusa disfunzione delle cellule immunitarie.
L'interazione del ligando CD40-CD40 ( CD40L ) attiva le cellule B, le cellule presentanti l'antigene e le piastrine.
Il blocco di CD40L potrebbe fornire un trattamento innovativo per i disordini autoimmuni sistemici.
Sono state studiate la sicurezza e l'attività clinica di Dapirolizumab pegol, un frammento Fab' glicole polietilenico-coniugato anti-CD40L, in pazienti con lupus eritematoso sistemico.

Uno studio multicentrico randomizzato, in doppio cieco, della durata di 32 settimane, ha valutato la somministrazione endovenosa ripetuta di Dapirolizumab pegol in pazienti affetti da lupus eritematoso sistemico che erano positivi per / avevano storia di anticorpi anti-DNA a doppio filamento / anticorpi anti-nucleo ed erano in terapia immunomodulatoria a dosi stabili, se applicabile.

Sono stati randomizzati 16 pazienti a 30 mg/kg di Dapirolizumab pegol seguiti da 15 mg/kg ogni 2 settimane per 10 settimane; 8 pazienti hanno ricevuto un regime con placebo corrispondente.
La randomizzazione è stata stratificata in base all’evidenza di anticorpi antifosfolipidi.
I pazienti sono stati seguiti per 18 settimane dopo la dose finale.

Non si sono verificati eventi avversi gravi correlati al trattamento, eventi tromboembolici o decessi.
Gli eventi avversi sono stati lievi o moderati, transitori e si sono risolti senza intervento.
Un paziente si è ritirato a causa di una infezione.

Le valutazioni di efficacia sono state condotte solo in pazienti con alta attività della malattia al basale. 5 su 11 pazienti ( 46% ) trattati con Dapirolizumab pegol hanno raggiunto una risposta British Isles Lupus Assessment Group-based Composite Lupus Assessment ( vs 1/7; 14% placebo ) e 5 su 12 ( 42% ) valutabili per SLE Responder Index-4 hanno risposto entro la settimana 12 ( vs 1/7; 14% placebo ).

Sono state osservate modifiche dell'espressione genica correlate al meccanismo in campioni ematici di RNA.

In conclusione, Dapirolizumab pegol potrebbe essere un trattamento biologico efficace per il lupus eritematoso sistemico.
Sono necessari ulteriori studi per esaminarne l'efficacia e la sicurezza. ( Xagena2017 )

Chamberlain C et al, Ann Rheum Dis 2017; 76: 1837-1844

Reuma2017 Farma2017


Indietro